Quello fra gli italiani e la casa è un rapporto d’amore, da sempre. Tanto che i nostri connazionali sono dei veri e propri cultori dell’abitazione di proprietà: già ne possiedono una 8 su 10 (79%), a cui si aggiunge un ulteriore 15% che prevede di acquistarla nel prossimo futuro. Ma quali sono le qualità che caratterizzano la casa perfetta? E quali sono i desiderata per l’abitazione del futuro? A queste e a molte altre domande ha risposto un’indagine di BVA Doxa condotta per Groupama Assicurazioni.

Si scopre così che l’identikit della dimora dei sogni è articolato: innanzitutto si vuole una proprietà green, ad alta efficienza energetica, indipendente, dotata di un’area outdoor e con un grande living in cui ospitare amici e parenti. Ma tra le priorità, spicca anche la sicurezza tra le mura domestiche, a 360 gradi.

Il desiderio di indipendenza 

Come sarà poi la “casa del futuro”? Circa il 44% degli intervistati la immagina dotata di un ampio spazio esterno, come un giardino o una terrazza. Inoltre, il 27% la visualizza come indipendente, mentre il 26% desidera una grande zona living e il 20% una cucina di notevoli dimensioni. Queste preferenze confermano l’importanza che gli italiani attribuiscono oggi alla socialità vissuta all’interno delle proprie abitazioni.

Sempre più tempo tra le mura domestiche

L’esigenza di sentirsi protetti, oltre per il fatto di preferire soluzione indipendenti, nasce anche da un cambio di abitudini dovuto agli effetti della pandemia.
“La casa è tornata ad essere per gli italiani un ambiente da vivere appieno, uno spazio ibrido e multifunzionale. Rispetto al passato, per effetto delle mutate abitudini gli italiani trascorrono più tempo nelle proprie abitazioni, a volte l’intera giornata: lavorano in smart working, si dedicano ai propri hobby, incontrano gli amici, fanno shopping online… e, in ogni circostanza, vogliono sentirsi protetti, perché oggi più che mai avvertono nuovi bisogni di sicurezza” si legge nella ricerca.

La ricerca evidenzia che oltre al periodo di riposo notturno, più della metà dei nostri connazionali (55%) passa tra le 4 e le 6 ore al giorno nelle proprie abitazioni, considerandole come il luogo preferito per condividere momenti con i propri affetti e dedicarsi alle proprie passioni. Solo il 9% trascorre meno di 3 ore al giorno a casa (percentuale che aumenta al 13% tra i giovani), mentre il 36% vi soggiorna per più di 6 ore al giorno.
Insomma, la propria abitazione è un rifugio, un luogo di lavoro, uno spazio professionale e conviviale.

Obiettivo sicurezza

In questo scenario, quali sono invece i timori degli italiani? Nella “top 3” delle principali paure legate alla casa si collocano alla base del podio le calamità naturali (per il 37% degli intervistati), mentre al secondo posto ci sono le spese impreviste (per lavori condominiali, rifacimento facciata o ristrutturazioni importanti) che preoccupano 1 italiano su 2. Il timore maggiore? Il pericolo di furti: 4 su 10 (43%) hanno paura di un’incursione dei ladri. 

Ecco perchè proteggere la propria abitazione, oggi come in futuro, è sempre più un imperativo per vivere serenamente. Le soluzioni? Tantissime, a cominciare dai dispositivi antieffrazione più efficaci, come spiegano gli esperti di Centro Inferriate, quali grate alle finestre, porte e persiane blindate, robuste recinzioni in ferro realizzate su misura. Tutte dotazioni che possono integrarsi perfettamente nel design della casa, a maggior ragione se indipendente, e tenere alla larga ospiti indesiderati.